venerdì 14 luglio 2017

Spain State Visit: il secondo giorno

Spain State Visit 





La seconda giornata della visita di Stato è iniziata con re Felipe e il duca di York che hanno partecipato ad un incontro sui rapporti commerciali tra Inghilterra e Spagna alla Mansion House. 



Successivamente, il re e sua moglie (con un fiorito abito di Carolina Herrera) sono stati guidati dal principe Harry, alla sua prima partecipazione attiva in una visita di Stato (piccoli principi crescono), in un tour di Westminster, dove hanno deposto una corona di fiori sulla tomba del Milite Ignoto e visitato la tomba di Leonor di Castiglia, moglie di Edoardo I di Inghilterra (curiosità: sempre a Westminster è sepolta Maria I, figlia di Caterina d'Aragona e nipote dei re Cattolici).


 


 

 


Re Felipe e la regina Letizia hanno poi fatto visita all'Ambasciata spagnola, per un incontro con i membri della comunità spagnola nel Regno Unito.

   




Infine, re Felipe ha incontrato il PM May al n. 10 di Downing Street.



 


La sera è stato il momento del secondo banchetto di Stato, organizzato dal Lord Mayor of London (da non confondersi con il Mayor of London. Il primo è sindaco della città di Londra, il secondo è sindaco della Metropoli di Londra) a Guildhall. Al banchetto hanno partecipato anche Anna, Principessa Reale, figlia della regina Elisabetta, con il marito Sir Timothy Laurence. Anna si è prodigata in un meraviglioso inchino reale al re e alla regina di Spagna. La classe non è acqua! 

La regina Letizia ha indossato un abito di Carolina Herrera, drappeggiato asimmetrico blu liscio, con una spallina più bassa. Ha coordinato l'abito con una borsa satinata di Felipe Varela, con la tiara "Melerio Floral" e imponenti orecchini di diamanti e zaffiri. Anche ieri sera portava la fascia dell'Ordine di Carlos III, con appuntato con un diamante Fleur de lys, spilla originaria dal centro della sua tiara "Princess".







    

Nessun commento:

Posta un commento

Questo è un blog libero, chiunque può commentare i post al suo interno, purché lo si faccia sempre nel rispetto del prossimo.